I gruppi studiati

  • Anfibi
  • Uccelli
  • Pipistrelli (Chirotteri)
  • altri Mammiferi

Gli Insetti

Molti insetti producono suoni: alcuni strofinando una parte del corpo contro un’altra, altri facendo vibrare rapidamente le loro ali, e altri ancora spingendo con forza l’aria fuori dagli spiracoli (= fessure collegate al sistema respiratorio degli insetti). A volte i suoni degli insetti sono accidentali, prodotti da attività come volare, o masticare. Molte volte un insetto deliberatamente produce suoni per attrarre il partner, definire il territorio, o spaventare un predatore.

Tipicamente gli insetti più “sonori” sono i grilli, le locuste e le cavallette che strofinando una parte del loro corpo contro un’altra, come un’ala su una zampa, producono trilli e stridulazioni ritmiche o incessanti, spesso a frequenze ultrasoniche. E proprio i loro suoni risultano talmente tipici da permettere la determinazione dei cantori anche solo analizzandoli bioacusticamente.

In generale noi ignoriamo i suoni di questi animali, ma i suoni associati agli insetti che pungono sono parecchio attenzionati. Si tratta quasi sempre dei suoni prodotti dal vibrare delle loro ali e proprio la frequenza che generano risulta quale avvertimento per non disturbarli o per non attaccarli inutilmente (pensiamo all’insistente ronzio delle vespe, pronte all’attacco perché ci stiamo avvicinando troppo al loro nido)

E’ così efficace questo sistema di segnalazione sonora degli Imenotteri aculeati che anche insetti di altri gruppi, praticamente innocui, hanno evoluto un movimento delle ali tale da produrre un ronzio molto simile a quello di vespe e bombi: per esempio alcuni coleotteri Scarabeidi. Di diversa sonorità, ma rivelatrice di un pericoloso avvicinamento per suggerci il sangue, è il sibilo ad alta frequenza delle ali di una zanzara femmina in volo intorno a noi. In questo caso il segnale sembra avere un effetto controproducente, allarmando la potenziale “preda”, ma non tutte le zanzare sibilano avvicinandosi…

Un tipico annuncio dell’estate e dei mesi più caldi è il frastuono sonoro delle cicale, il cui incessante suono vibrante in termini di livelli di decibel non ha rivali nel mondo degli insetti.

Le nostre ricerche si sono concentrate sugli Imenotteri e particolarmente su Formicidae e Apoidei: gruppi con moltissimi rappresentanti ad elevata socialità, con specie che vivono in colonie composte da migliaia di individui. La comunicazione tra gli stessi è complicatissima e si avvale di produzione di sostanze chimiche, di “danze” caratteristiche, ma anche di vibrazioni di ali ed emissioni di ultrasuoni.

Qui trovate i files acustici registrati durante il BLITZ Bioacustico Notturno : gli Insetti